Questo sito utilizza i cookie, per approfondire la nostra politica sui cookie leggi il contenuto della pagina Informativa sui cookie. Cliccando sul pulsante accetta o continuando la navigazione, presterai consenso all'uso dei cookie.

Indietro

Quanto è importante lo stretching nel ciclismo?

Quanto è importante lo stretching nel ciclismo?

Lo stretching nel ciclismo, così come in tutti gli sport, è una parte fondamentale per evitare di farsi male mentre si va in bicicletta, specialmente se rientriamo nella fascia di persone che sono normalmente sedentarie, quindi che non praticano molto sport o quale attività fisica.

Lo stretching nelle attività agonistiche, così come in quelle amatoriali, è molto importante, perché ci permettono di evitare tensioni muscolari e quindi ci aiutano nel recupero e nel preservare la struttura del muscolo, dei tendini e delle articolazioni.

Molti sportivi effettuano solo un po’ di riscaldamento prima di una gara, questo perché  lo stretching viene effettuato al termine delle competizioni, perché lo stretching tende a rallentare temporaneamente l’attivazione muscolare, e questo può portare, specialmente nelle attività agonistiche dove lo sforzo è maggiore e più intenso a dei traumi.

A seconda dello sport che pratichiamo lo stretching sarà rivolto a quelle zone, che vengono maggiormente stressate. Nel ciclismo viene da pensare che le gambe sono la zona del nostro corpo che viene maggiormente messo a rischio. Questo non è vero, infatti chi va molto in bici, specialmente gli sportivi, tendono a sforzare non solo le gambe, ma anche le braccia e soprattutto la schiena, il collo ed altre parti del corpo.

In linea generale è giusto fare stretching, non solo in quelle parti del corpo che noi pensiamo vengano messe maggiormente sotto pressione, ma su tutto il nostro corpo, in modo da distendere tutti i nostri muscoli.

Specialmente per chi non fa molto stretching, e quindi non è sicuro del modo in cui farlo, le prime volte è meglio affidarsi ad un professionista, ad un istruttore, che ci aiuti nel farlo nella maniera corretta, in questo modo eviteremo di farci male, ed a fine allenamento saremo più distesi e rilassati.