Questo sito utilizza i cookie, per approfondire la nostra politica sui cookie leggi il contenuto della pagina Informativa sui cookie. Cliccando sul pulsante accetta o continuando la navigazione, presterai consenso all'uso dei cookie.

Indietro

Lentamente, ma anche l’Italia pedala verso il futuro.

Lentamente, ma anche l’Italia pedala verso il futuro.

E’ quanto emerge dall’ “A Bi Ci della ciclabilità”, una ricerca sull’utilizzo della bici realizzata da Legambiente in collaborazione con Rete Mobilità Nuova, uno studio dettagliato che evidenzia come, anche in Italia, l’utilizzo della bicicletta è sempre più diffuso.

Nonostante i numeri non siano ancora così importanti come quelli di altri paesi europei, primi fra tutti l’Olanda, ciò che lascia ben sperare è il trend, costantemente in crescita, registrato negli ultimi anni.

20 città italiane infatti vantano statistiche di livello europeo, mentre in altre città di medie dimensioni almeno un quarto della popolazione usa la bicicletta in città quotidianamente.

Nella classifica italiana le città che hanno manifestato maggiore sensibilità nell’utilizzo delle due ruote sono Pesaro e Bolzano, dove ogni giorno il 30% degli abitanti utilizza la bicicletta come primo mezzo di trasporto. Seguono Ferrara con il 27% e Treviso con il 23%.

Un traguardo, per quanto sia solo l’inizio, raggiunto grazie agli sforzi e al meritevole impegno delle Amministrazioni locali, che hanno saputo sensibilizzare la propria cittadinanza ad un uso sempre più consapevole della cosiddetta mobilità dolce.

Ad aiutare il raggiungimento di questo piccolo grande obiettivo è stato l’affermarsi di una nuova concezione dell’uso della bicicletta, da non intendersi più come mezzo di svago da utilizzare solo nel tempo libero, ma anche come valida alternativa per i tragitti urbani casa-lavoro e casa-scuola.

Ma cosa ha convinto gli italiani a montare in sella?

Secondo Legambiente, oltre la difficoltà economica del periodo, il cambiamento delle forme di mobilità deriva proprio dalla crisi del tradizionale modo di muoversi. L’insofferenza scaturita dagli ingorghi, dal traffico, dal tempo perso, dallo smog cittadino e dallo stress che ne consegue, sono tra le cause principali che hanno spinto gli italiani ad avvicinarsi sempre più all’utilizzo quotidiano della bicicletta.

Se poi si considerano anche l’aspetto economico ed ecologico legato alle due ruote, siamo sicuri che anche l’Italia, se pur lentamente, si sta proiettando verso un mondo da ammirare in punta di sella.