Questo sito utilizza i cookie, per approfondire la nostra politica sui cookie leggi il contenuto della pagina Informativa sui cookie. Cliccando sul pulsante accetta o continuando la navigazione, presterai consenso all'uso dei cookie.

Indietro

Come regolare correttamente la sella della nostra bicicletta

Come regolare correttamente la sella della nostra bicicletta

A chi non è capitato, specialmente le prime volte in cui da bambini abbiamo fatto le nostre prime pedalate, di doversi fermare per chiedere a nostro padre di regolare la sella della nostra bicicletta.

Spesso si sottovaluta questo problema, però una giusta regolazione della sella ci permette di esprimere più potenza nelle nostre pedalate, avere maggior comfort ma soprattutto come metedo di prevenzione per evitare disturbi come il mal di schiena.

La regolazione della sella della nostra biciletta dipende da molti fattori, come ad esempio la dimensione della bici, la tipologia di bici, la nostra altezza e così via. Oggi ci sono diversi modi per capire come regolare la sella.

Sicuramente, il metodo più utilizzato e quello di regolare la sella rispetto alla posizione che assumiamo quando andiamo in bici. Una volta saliti in sella alla bicicletta per trovare la propria posizione di equilibrio si deve riuscire a toccare terra con le punte dei piedi. Sicuramente la posizione corretta sarebbe quella in cui durante la nostra pedalata riusciamo a distendere completamente la gamba.

Un altro metodo fa riferimento alla biomeccanica della pedalata. Degli studi hanno dimostrato che esiste una precisa posizione, che permette di esprimere la massima potenza con minor sforzo mentre pedaliamo. Questo metodo viene chiamato KOPS, Knee Over Pedal Splinde.

Il metodo probabilmente più affidabile per regolare correttamente l’altezza della sella è quello dell’altezza del cavallo, ovvero la distanza tra la parte pubica ed il terreno. Per ottenere questa misura, dobbiamo appoggiarci ad un muro e divaricare i piedi di circa 10 cm, per simulare la distanza tra i pedali, e segnare con una matita l’altezza a livello del pube.

Dopo aver ottenuto l’altezza potremo calcolare tale misura tra il centro del movimento centrale ed il centro anatomico del sellino. Secondo uno studio risalente agli anni ’60, condotto da Hamley e Thomas, il coefficiente con cui moltiplicare la lunghezza del cavallo è 1,07. Dal prodotto ottenuto poi si sottrae la lunghezza della pedivella.